Basilica Palladiana: scrigno UNESCO dei Colli Berici

Blog

Basilica Palladiana: scrigno UNESCO dei Colli Berici

Indietro

Basilica Palladiana: scrigno UNESCO dei Colli Berici

Avanti

La Basilica Palladiana: Patrimonio Unesco vicentino

Il tema della classicità sta molto a cuore a noi di Cà Rovere: perfezione, armonia, equilibrio si ritrovano in una bollicina come nelle forme che abbracciano la città di Vicenza, ai piedi dei Colli Berici.

Quante volte vi è capitato, passeggiando tra i vicoli e le facciate della città , di restare affascinati delle sue proporzioni linerai e delle sue raffinate forme architettoniche?

Vogliamo riportarvi indietro nel tempo, a quando l'insegnate d'arte vi raccontava entusiasta dell'incontro tra Vicenza e l'architetto Andrea di Pietro della Gondola detto il Palladio.

A Vicenza il grande architetto progettò e costruì alcuni dei suoi capolavori, opere che hanno fatto riconoscere la città veneta come Sito Patrimonio Mondiale dell’Umanità da parte dell’UNESCO: 23 palazzi a Vicenza e 24 ville nel territorio circostante.

Una delle sue espressioni più sublimi è la Basilica Palladiana che svetta maestosa sul lato sud di piazza dei Signori, cuore e salotto di Vicenza.

Simbolo di Vicenza grazie alle sue geometrie fluide

Nascosta tra i palazzi rinascimentali, la Basilica, da oltre quattro secoli, sorprende il visitatore con la sua composta magnificenza.

Fu lo stesso Andrea Palladio a coniare il nome di "Basilica" come nell'antica Roma veniva chiamato il luogo dove si gestivano la politica e gli affari più importanti.

Sapevate che nonostante il suo aspetto unitario è nata in due fasi architettoniche diverse?

  • Costruita a metà del XV secolo unificando i due palazzi più antichi "Palatium Vetus" e "Palatium Communis".
  • Restaurata nel 1546 da Palladio rimpiazzando alcune preesistenti costruzioni medievali e introducendo il modello della serliana.

Anche lo stesso scrittore tedesco Johan Wolfgang Goethe ne subì il fascino, tanto che trovandosi di fronte alla Basilica Palladiana disse: "Non è possibile descrivere l'impressione che fa la Basilica di Palladio...."

Inoltre dal 2014 il capolavoro vicentino ha raggiunto la promozione di «monumento nazionale» dalla Camera e dal Senato della Repubblica, un vanto per l'Italia intera che ogni anno attira numerosissimi turisti da ogni angolo del mondo.

Basilica Palladiana: un armonia classica

Quello che non tutti sanno della Basilica è che rappresenta uno vero e proprio scrigno in cui all'interno sono custoditi i segreti di un tempo che sembra essersi fermato: il Rinascimento.

PIANO TERRA: Sede di botteghe e del Museo del gioiello. Se non l'avete mai visitato vi consigliamo di farlo perché è il primo museo in Italia e uno dei pochi al mondo dedicato esclusivamente alla storia del gioiello.

PRIMO PIANO: Sala del Consiglio sede di mostre e convegni d'arte e architettura. Se volete immergervi nel fervore di quegli anni, quando si discuteva di proporzioni, di geometrie, di forme e di richiami all'antichità questo è il piano giusto.

SECONDO PIANO: Domus Comestabilis. Da qui potrete accedere alla terrazza da cui si possono ammirare i Colli Berici che abbracciano la città fino al panorama delle vette più lontane, e i tetti di dimore antiche e palazzi.

Una piccola curiosità: negli anni Sessanta del novecento, la Basilica Palladiana svolse anche la funzione di campo sportivo, dove si giocavano le partite casalinghe della squadra di pallacanestro di Vicenza.

Il metodo classico Cà Rovere in una cornice tutta rinascimentale

Nelle calde sere d'estate è possibile vivere dei momenti unici nella silenziosa magia della terrazza della Basilica.

Un luogo dove sorseggiare un calice di bollicine seduti in splendidi divani diventa un'esperienza unica, con un tocco di colore in più e una vista sui Colli Berici.

Vi piacerebbe brindare con un buon calice di spumante Cà Rovere insieme a noi in questa cornice tutta rinascimentale dove si ammira Vicenza dall'alto?

Prenotatevi all'evento del 16 luglio che si svolgerà nella terrazza della Basilica Palladiana dove tutte le note e i profumi di Cà Rovere fioriranno in un suggestivo panorama, accompagnate dalla luce più calda del tramonto.

Shop Cá Rovere

Se vuoi provare i nostri vini visita lo shop. Le migliori bollicine venete direttamente a casa tua!

Altri articoli

L'Hugo Cocktail: la variante con il Sisto Biasin

L'Hugo Cocktail: la variante con il Sisto Biasin

L'Hugo Cocktail rivisitato con il Sisto Biasin, 100% Chardonnay. Ottimo aperitivo estivo, dissetante e leggero. Nell'articolo il tutorial!
L'aperitivo estivo Cà Rovere: il classico in terrazza

L'aperitivo estivo Cà Rovere: il classico in terrazza

L'aperitivo estivo di Cà Rovere: il Classico in terrazza I mercoledì d'estate sono fatti per l'aperitivo estivo in terrazza e per il nostro...
caolino

Il Caolino: l'alleato della vite contro il caldo

Il caolino: lo strumento di resilienza idrica Il caolino è un trattamento naturale usato in vigneto quando c'è un problema di siccità. Nei peri...

Immergiti nell'esperienza

Resta aggiornato sulle novità della cantina!

Iscriviti alla newsletter